Torna alla Home Page

via San Martino, 19 - 20013 Magenta (MI) - Botteghino 0297291337 Fax 0292853797 - email: info@teatronuovo.com   RSS cinemateatroNuovo Facebook Twitter cinemateatroNuovo WhatsApp cinemateatroNuovo Telegram cinemateatroNuovo Instagram cinemateatroNuovo Youtube cinemateatroNuovo Buon Compleanno CTN
Filmforum 2002/2003 - 1° ciclo

10 ottobre 2002

APOCALYPSE NOW REDUX

Regia: Francis Ford Coppola

Con: Marlon Brando, Robert Duvall, Martin Sheen, Laurence Fishburne, Dennis Hopper, Harrison Ford.

Nazionalità: U.S.A.

Durata: 197

Genere: Guerra, Drammatico


Il capitano Willard, appartenente ai servizi speciali, si trova a Saigon in un ambiguo riposo, motivato da qualche sua prestazione non sufficiente, quando viene convocato per un incarico pressoché assurdo. Il colonnello Kurtz, uscito dai ranghi con i suoi soldati, ha finito per combattere una guerra personale, passando dal Vietnam alla Cambogia.
Willard deve seguire un corso d’acqua, già percorso dal colonnello impazzito; lo deve raggiungere ed eliminare. L’impresa non è facile poiché il capitano viaggia con un modesto natante e con pochissimi uomini; inoltre il fiume soltanto fino ad un certo punto è controlalto dagli americani. Ma più che le difficoltà belliche, a sconvolgere l’uomo dei servizi speciali sono le esperienze che si trova costretto a fare.
Il colonnello Kilgore, che viene incaricato di scortarlo con i suoi elicotteri in un primo tratto, é un maniaco che esemplifica ampiamente le gesta del condannato Kurtz, definite "malsane e fuori dei limiti" dai superiori che gli hanno dato l’ordine di partire. Arrivati ad un approdo non previsto, scendono e trovano un campo militare dove un gruppo di ’conigliette’ sta preparando uno spettacolo. In momenti successivi, e sotto una pioggia battente, i soldati si intrattengono con le ragazze, ma l’esito è tutt’altro che divertente. Ripreso il percorso lungo il fiume, l’imbarcazione arriva al ponte di Dolon.
Qui non c’è più il comandante, il capitano Corby, che è passato con Kurtz. Willard è accolto dai francesi che vivono nella piantagione, mangia con loro ed é coinvolto nei loro discorsi sul colonialismo. Ripartiti, in un agguato muore il capo del gruppo, e allora Willard rivela all’equipaggio il vero scopo della missione. Giunto a destinazione, Willard scopre che Kurtz si è rinchiuso in una sorta di reggia-tempio: con lui ci sono il capitano Colby e uno stravagante fotoreporter; numerosissimi poi sono gli indigeni armati.
Catturato, Willard viene portato da Kurtz e quindi imprigionato. Willard sta male, Kurtz va da lui, lo provoca, quasi lo istiga. Willard uccide Kurtz.

Fonte: www.cinematografo.it


- PRESENTATO AL FESTIVAL DI CANNES 2001, COSI’ ANNUNCIATO DAL REGISTA: "MA NON E’ SOLO IL FATTO DI AVER RECUPERATO DELLE IMMAGINI E DEI DIALOGHI IMPORTANTI. E’ L’INTERO FILM CHE CAMBIA, DIVENTA MENO DI AZIONE E DI GUERRA E PIU’ FILOSOFICO SUL SIGNIFICATO UMANO DI QUELL’AVVENTURA."



ORARI SPETTACOLI

giovedì: 21.15
Torna alla programmazione completa