Torna alla Home Page

via San Martino, 19 - 20013 Magenta (MI) - Botteghino 0297291337 Fax 0292853797 - email: info@teatronuovo.com   RSS cinemateatroNuovo Facebook Twitter cinemateatroNuovo WhatsApp cinemateatroNuovo Telegram cinemateatroNuovo Instagram cinemateatroNuovo Youtube cinemateatroNuovo Buon Compleanno CTN
Filmforum 2000/2001 - 2° ciclo

15 febbraio 2001

I CENTO PASSI

Regia: Marco Tullio Giordana

Con: Luigi Lo Cascio, Paolo Briguglia, Lucia Sardo, Luigi Maria Burruano.

Nazionalità: Italia

Durata: 104

Genere: Drammatico


A Cinisi, paesino siciliano schiacciato tra la roccia e il mare, nei pressi dell’aeroporto, utile quindi per il traffico di droga, cento passi separano la casa di Peppino Impastato da quella di Tano Badalamenti, il boss locale. Peppino, bambino curioso che non gradiva il silenzio opposto alle sue domande, al suo sforzo di capire, nel 1968 si ribella come tanti giovani al padre. Ma in Sicilia la ribellione diventa sfida allo statuto della mafia. Quando si batte insieme ai contadini che si oppongono all’esproprio delle loro terre per ampliare l’areoporto Peppino conosce le prime sconfitte ma scopre l’orgoglio di una vocazione. Dopo varie esperienze fonda "Radio aut" che infrange il tabù dell’omertà e con l’arma del ridicolo distrugge il clima riverenziale attorno alla mafia.Tano Badalamenti diventa Tano Seduto e Cinisi è Mafiopoli. Il clima per lui si fa pesante: il padre cerca di farlo tacere, madre e fratrello sono solidali con lui. Quando arriva il Settantasette, mentre c’è chi si rifugia nel privato, lui si presenta alle elezioni comunali. Due giorni prima del voto lo fanno saltare in aria sui binari della ferrovia con sei chili di tritolo. La morte coincide con il ritrovamento a Roma del corpo di Aldo Moro, viene rubricata come "incidente sul lavoro" poi, dopo che gli amici mettono a disposizione degli inquirenti molti indizi dell’esecuzione diventa addirittura "suicidio". Solo vent’anni dopo la Procura di Palermo rinvierà a giudizio Tano Badalamenti come mandante dell’assassinio. Il processo deve ancora essere celebrato.

Fonte: www.cinematografo.it


- MENZIONE SPECIALE AL PREMIO SOLINAS 1998 PER LA SCENEGGIATURA A CLAUDIO FAVA E MONICA ZAPPELLI

- PREMIO PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA ALLA 57ª MOSTRA DI VENEZIA (2000).

- DAVID 2001 PER MIGLIORE SCENEGGIATURA (CLAUDIO FAVA, MONICA ZAPELLI, MARCO TULLIO GIORDANA), A LUIGI LO CASCIO (MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA), A TONY SPERANDEO (MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA), A ELISABETTA MONTALDO (MIGLIORI COSTUMI) E PREMIO DAVID SCUOLA.



ORARI SPETTACOLI

giovedì: 21.15
Torna alla programmazione completa