Torna alla Home Page

via San Martino, 19 - 20013 Magenta (MI) - Botteghino 0297291337 Fax 0292853797 - email: info@teatronuovo.com   RSS cinemateatroNuovo Facebook Twitter cinemateatroNuovo WhatsApp cinemateatroNuovo Telegram cinemateatroNuovo Youtube cinemateatroNuovo Buon Compleanno CTN
Filmforum 1997/1998 - 1° ciclo

7 novembre 1997

IL VESTITO

Regia: Alex van Warmerdam

Con: Henri Garcin, Khaldoun Elmecky, Frans Vorstman, Ingeborg Elzevier, Margo Dames.

Nazionalità: Paesi Bassi

Durata: 103

Genere: Commedia


Cremer, disegnatore in una grande ditta di tessuti per abbigliamento, poichè i suoi lavori vengono giudicati troppo estrosi dal direttore Loohman, realizza un motivo a foglie su fondo blu: con quel disegno il reparto confezioni della ditta ricava una serie di abiti estivi femminili per tutte le taglie. La prima ad indossare uno di queli modelli è Stella, una casalinga, che subito viene presa da strane frenesie. In seguito, per un banale incidente, costei macchiando il vestito è costretta a lavarlo. Steso ad asciugare, per un colpo di vento l’abito vola via. La nuova proprietaria di quell’abito portato dal vento è Johanna. Herman, il "suo ragazzo", colpito dal motivo a foglie blu, lo traspone nel dipinto cui sta lavorando. Quando Johanna lo indossa, scatena inspiegabili voglie nelle persone che incontra: prima in De Smet, un controllore ferroviario; poi in un conducente d’autobus. Johanna per sottrarsi alle molestie originate da quell’abito decide di donarlo a una raccolta d’indumenti usati per i poveri. Ridotto ad una misura più giovanile, viene indossato dall’adolescente Chantal, che incontra a sua volta il controllore e diventa oggetto di analoghe molestie. Pertanto lo mette in una borsa, decisa a disfarsene. Ma la borsa le viene rubata nel parco da una vecchia barbona, Marie.
E’ la fine dell’estate e, col sopraggiungere del freddo, quell’abito diventa un riparo insufficiente per costei che, inutilmente soccorsa da Van Tilt, ex socio della ditta di Loohman - anche lui in miseria - muore assiderata e viene cremata con quell’indumento addosso. Successivamente il controllore De Smet, va in visita a una mostra d’arte, in cui è esposto, fra gli altri, il quadro di Herman, in cui è presente il motivo dell’abito a foglie blu. Costui, invasato taglia un pezzo della tela.

Fonte: www.cinematografo.it


- PREMIO FIPRESCI 53ª MOSTRA INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI VENEZIA




ORARI SPETTACOLI

venerdì: 21.15
Torna alla programmazione completa