via San Martino, 19 - 20013 Magenta (MI) - Botteghino 0297291337 - email: info@teatronuovo.com
RSS cinemateatroNuovo Facebook Twitter cinemateatroNuovo WhatsApp cinemateatroNuovo Telegram cinemateatroNuovo Instagram cinemateatroNuovo Youtube cinemateatroNuovo
Back to Top

TI RACCONTO UN LIBRO JUNIOR 2024

29 novembre 2023

CASTA DIVA

Tra Medea, Maria Callas e Norma

Scritto da: Lucilla Giagnoni

Regia: Lucilla Giagnoni

Compagnia: Lucilla Giagnoni

Durata: 80


Collaborazione ai testi: Maria Rosa Panté
Ambiente sonoro e musiche: Paolo Pizzimenti
Luci e immagini: Massimo Violato
Assistente alla messa in scena: Maria Laura Vanini

Lucilla Giagnoni dedica uno spettacolo alla divina Maria Callas nel centenario della nascita.

Prendendo ispirazione dalla cavatina di Bellini Casta Diva dalla Norma - invocazione e preghiera alla luna, resa celebre dall'interpretazione dell'artista greca - Giagnoni mette in relazione il mito di Callas con quello di Medea, esplorando la loro potenza di regine immortali, capaci nell'arte della cura, ma anche i tratti rovinosi e distruttivi che le accomunano. "All'opera si apre il sipario. La luna piena illumina il tempio. Il fuoco di un sacrificio. Una donna vestita di bianco, vischio, musica. Canta. Al cinema, gli occhi ardenti di Medea-Maria riempiono lo schermo: hanno visto New York e Atene, Verona e Sirmione, Milano e Skorpios, Parigi e Corintho. A teatro, un'attrice racconta. La greca e la barbara si specchiano: dive, splendenti, mitiche. L'attrice racconta di vestali, sacerdotesse, maghe, regine, figlie del sole stregate dalla luna. Cantano, curano: sono caste nell'anima, ma possono arrivare a uccidere. L'attrice, attraverso loro, scopre che è possibile fare il sacro in un mondo in rovina e che, se si chiude il sipario, il mito continua. Per me, che sono attrice, Medea, oggi, ha il volto di Callas. Callas la più grande interprete di Casta Diva. Casta Diva significa luna, ma in questa storia c'è pure tutta la potenza del sole, e nipote del sole è Medea. Euripide, il cantore tragico della fine del mondo ellenico, fa di Medea una donna che uccide i suoi figli. Pasolini, il cantore della fine del mondo rurale e del sacro, fa di Maria Callas una Medea che non canta mai: fa di lei un'attrice. Medea, della stirpe del sole, il canto se lo porta nel sangue, insieme al sapere di ciò che cura e che uccide. Maga e regina dei pharmaka è capace di dare la vita e la morte. È Medea l'immortale. Maria Callas è mortale, ma il sole le ha dato un dono e il canto fa di lei 'La Callas', l'immortale. Medea e Callas amano selvaggiamente e intensamente rovinano, senza risparmio di sé. Nessun narratore le potrà mai oscurare, contenere o limitare. E se la luna - la Casta Diva della Norma di Bellini - le ammanta di tragico mistero, si può anche arrivare a sorridere per come il cinema abbia talvolta raccontato la lirica e il canto. Ma questo ora non lo anticipiamo, perché l'ironia tragica è la visione casta (e diva) del teatro".


 Con il patrocinio del comune di Magenta




ORARI SPETTACOLI:

  • mercoledì: 21.15

Ingresso € 15,00, per gli abbonati € 10,00

Si accettano buoni:

Vendita biglietti online:
(il prezzo online è uguale a quello del botteghino)
In cassa puoi pagare con: